Pesante passo falso dell’Under18 a Recco

Pesante passo falso dell’Under18 a Recco

Pesante passo falso dell’Under18 a Recco. I ragazzi dell’Under18 non riescono ad espugnare il Carlo Androne di Recco nella penultima giornata del Campionato d’Elite di categoria e tornano dalla trasferta ligure con un solo, misero, punto di bonus difensivo. Borgonovo e compagni infatti, che con un successo avrebbero messo al sicuro il discorso “salvezza diretta”, non riescono ad assicurarsi la partita più importante della stagione ma, al termine di un match che mette in evidenza i grossi limiti difensivi sui quali la squadra di Borra e Boggioni deve ancora lavorare parecchio, sale a +3 dal Monferrato, penultima.

Contro una formazione oramai già condannata alla retrocessione e che si presenta all’appuntamento con soli 16 effettivi, i verde-blu non riescono ad applicare il piano di gioco studiato in settimana e finiscono per cedere alla forza fisica dei bravi avversari. Nonostante una buona conquista in rimessa e alcune pregevoli manovre al largo, i cussini si sfaldano al sole di Recco e finiscono così per concedere ai bianco-azzurri possessi gratuiti che fruttano ben quattro mete.

Il finale recita così un pesante 27 a 21 per i padroni di casa che non può essere giustificato con le assenze e l’influenza che, ancora una volta, hanno messo ko elementi chiave del quindici milanese. «Onore al Recco che, in una situazione di grave emergenza, è riuscita a lavorare indisturbata il proprio gioco, sfruttandone al meglio i punti di forza» ha dichiarato il tecnico Enrico Borra, «per noi si tratta di un pericoloso passo indietro e ora, a 70 minuti dalla fine del campionato, il calendario chiede una reazione contro la leader della classifica che verrà al Giuriati a caccia dei cinque punti in grado di garantirle il primo posto e passaggio diretto alle semifinali».

«Oggi abbiamo giocato una partita molto differente da quella che avevamo preparato in settimana» ha aggiunto il bresciano, «e ovviamente la responsabilità di ciò non può che essere mia visto che sono io ad aver scelto di lavorare in prospettiva, schierando opzioni, soprattutto in prima linea e tra i trequarti, utili per il prossimo anno. Ora ci aspetta un match proibitivo contro Viadana: sarà però l’occasione ideale per salutare i ‘99 che a fine stagione lasceranno questo gruppo per passare stabilmente tra i seniores».