Under 12 a Modena: giocare a minirugby, facendo del grande rugby

Under 12 a Modena: giocare a minirugby, facendo del grande Rugby

Under 12 a Modena: giocare a minirugby, facendo del grande rugby. Ci sono tanti modi di vincere e l’Under 12 ha conquistato il 9° torneo “Città di Modena” esprimendo un gioco di qualità e bellezza nettamente superiori a tutte le altre squadre. La prima partita con il Fiumicino, regolato con uno scoppiettante 8 a 0, vede il loro allenatore iscriversi all’ormai nutrito fan club dell’Under 12 del Cus Milano Rugby. Infatti, dopo la sconfitta non perderà l’occasione di vedere giocare i nostri ragazzi nelle partite successive, ribadendo i complimenti dopo la vittoria finale con una vigorosa stretta di mano.
Under 12 a Modena: giocare a minirugby, facendo del grande Rugby - Cus Milano Rugby
La partita con il Valsugana vinta con un netto 4-0 offre un esempio della determinazione della squadra, che nel minuto finale difende agguerrita tenendo inchiodati gli avversari a un metro dalla loro possibile meta della bandiera. L’ottavo di finale con il Cus Padova registra quella che sarà l’unica meta subita in tutto il torneo, con i giallorossi bravi ad approfittare della ripetuta mancanza di disciplina nel rispetto dei 5 metri della nostra squadra. Dopo lo sbandamento iniziale, arriva la vittoria per 5-1.
Under 12 a Modena: giocare a minirugby, facendo del grande Rugby - Cus Milano Rugby
Il quarto di finale regala il derby con l’Amatori Union, una partita in cui i ragazzi mostrano la forza tranquilla della grande squadra, sconfiggendo i cugini con un sereno 4-0. Il torneo arriva alle semifinali in pieno rispetto dei pronostici: da una parte Gispi contro Amatori Parma, dall’altra Cus Milano contro Pertrarca. Una sfida di fuoco, che non a caso si gioca a mezzogiorno, con il sole a picco che martella due squadre con molti conti in sospeso. Dopo un primo minuto in cui il Petrarca sembra poter approfittare della tensione che agita i nostri ragazzi, la squadra si compatta e demolisce i padovani proprio sul loro gioco: i punti di incontro. Grazie a una determinazione feroce, le ruck sono terreno di riconquista del pallone o roccaforti da cui la palla esce velocemente per andare a colpire ai fianchi l’avversario, mentre le ali e l’estremo del Petrarca non riescono mai a trovare lo spazio per partire, annichiliti dalla pressione della linea del Cus Milano Rugby. Il risultato finale è un secco 3 a 0, che spazza via ogni dubbio su quale sia la squadra Under 12 più forte del 2018.
Under 12 a Modena: giocare a minirugby, facendo del grande Rugby - Cus Milano Rugby
La finale si preannuncia spettacolare, contro un’Amatori Parma che conosce bene le caratteristiche del Cus Milano Rugby e ha un gioco simile, vario e veloce. La partita invece è a senso unico, perché l’Amatori intimorita dalla pressione del Cus va in confusione e non si posiziona con l’estremo. I nostri giocatori se ne accorgono e sfoderano un repertorio di grubber e calcetti a scavalcare con cui sezionano chirurgicamente la linea avversaria mandando ripetutamente in meta i compagni. Con i punti di incontro sigillati, per gli avversari non c’è possibilità di replica, e il risultato è uno schiacciante 5-0.
Under 12 a Modena: giocare a minirugby, facendo del grande Rugby - Cus Milano Rugby
Con questa vittoria, il finale di stagione dell’Under 12 è diventato una celebrazione del lavoro degli allenatori e della crescita di una squadra che, rispetto a tutte le altre, sa giocare a rugby, interpretando le sue dinamiche e le sue variabili in perfetta coesione e sintonia. Forse, per capire quello che sta succedendo nella nostra Under 12, ci possono aiutare le parole con cui Jonny Wilkinson descrive cosa lo rendeva felice mentre giocava a rugby: “Quello che da un senso alla mia vita di rugbista è quel momento in cui tutti i giocatori si connettono nelle azioni, senza parlare, senza dire nulla. Quel momento speciale in cui siamo tutti sulla stessa lunghezza d’onda. È questo quello che ricerco quando gioco: questa connessione con l’altro, al di là delle azioni e dei cinque sensi. È un momento di grazia…” Grazie davvero Paolo, per aver dato l’opportunità ai nostri ragazzi di vivere momenti simili.
Under 12 a Modena: giocare a minirugby, facendo del grande Rugby - Cus Milano Rugby